CRI.ME LAB (Laboratorio di Criminologia, Comunicazione di Crisi e Media)

Responsabile scientifico: 
Coordinatore: 
Componenti gruppo di ricerca: 
Arije Antinori, PhD Marcello Severoni Martina Cirri Chiara Merlo . Giulio Vasaturo Dott.ssa Deborah Maidecchi Dott. Alfonso Quintarelli Dott. Fabio Iadeluca Dott. Alberto Romano
Descrizione: 

Il CRI.ME LAB, creato al fine di valorizzare le diverse competenze presenti nell’ambito dell’ insegnamento di “Criminologia e Sociologia della Devianza”, si pone l’obiettivo di osservare, comprendere ed analizzare lo scenario contemporaneo della sicurezza, l’evoluzione ed il mutamento dei fenomeni criminali complessi, attraverso un approccio sistemico e dinamico fondato sull’interconnessione tra:

  • La Criminologia, caratterizzata dall’interdisciplinarietà e multidisciplinarità;
  • La Sociologia della Devianza, con particolare riguardo alla dimensione cyber-sociale;
  • Le Scienze della Comunicazione, con particolare riguardo al linguaggio criminale, alla proiezione sul Web del terrorismo e della criminalità organizzata, all’emersione dei nuovi fenomeni cyber-criminali, alla mediatizzazione del crimine, alla comunicazione d’emergenza/di crisi, al giornalismo investigativo e giudiziario.
  • Le Scienze di Polizia, come settore su cui converge l’intero sistema di Law Enforcement degli Stati Membri impegnati nel contrasto dei fenomeni criminali in ambito europeo.

Sul piano didattico, il CRI.ME LAB intende fornire agli studenti un ulteriore supporto didattico, uno spazio di ricerca, approfondimento, confronto e scambio culturale, che favorisca in particolare l’internazionalizzazione delle prospettive di analisi proposte, attraverso la costante sinergia tra practice e research, in quanto il CRI.ME LAB è stato accreditato come struttura di ricerca presso CEPOL, European Police College, nel cui ambito il Dott. Antinori risulta essere National Expert. Infine, date le specifiche competenze presenti, uno degli obiettivi primari è la promozione dell’OSINT, Open Source Intelligence, applicata all’analisi criminologica ed in modo più diffuso come disciplina da adottare in ambito universitario.

attivita_osservatori: 

Progetti di ricerca svolti dal gruppo

Partecipazione della prof.ssa Marotta alla ricerca PRIN su “Corruzione e Pubblica Amministrazione”, Unità di ricerca B (Responsabile scientifico prof. Andrea Bixio) (12 mesi)

Produzione scientifica basata sulle attività svolte dall’osservatorio / unità

Gemma Marotta

  • (a cura di) Profili di Criminologia e Comunicazione, Milano, Angeli, 2014. Con i seguenti contributi:
    • Introduzione: Criminologia e processi comunicativi, di Gemma Marotta
    • Il disagio giovanile: troppa comunicazione, poca comunicazione?, di Gemma Marotta
    • Stalking: dalla passione alla persecuzione, di Fabio Iadeluca
    • Il mobbing: patologia comunicativa e comportamento deviante, di Alfonso Quintarelli
    • Investigazioni e processi mediatici, di Deborah Maidecchi
    •  Rito mediatico e processo penale, di Giulio Vasaturo
    • Alcune riflessioni sul terrorismo, di Alberto Romano
    • Weaponizzazione mediale: dal terrorismo internazionale alla digitalizzazione del neo-terrorismo, di Arije Antinori
    • Rieducare in carcere attraverso la comunicazione,  di Martina Cirri
    • Amleto e la “scena” del crimine, di Chiara Merlo
  • “Prefazione: Attualità della “Memoria difensiva per tre uomini condannati alla ruota” di C.-M. Dupaty”, in La ruggine della barbarie, di M.A. Del Boccio Prosperi, Roma, Aracne Editore, 2014, pp. 9-31.
  • Criminologia. Storia, Teorie, Metodi, Padova, Cedam, 2015, pp. 489.
  • “Aspetti criminologici del fenomeno corruttivo”, in Sociologia (in corso di stampa).

Arije Antinori

  • "Riflessione criminologica sulle denunce presentate contro cittadini stranieri" in “Dossier Statistico Immigrazione 2013. Rapporto UNAR - I dati del 2012 - sulle denunce penali contro stranieri: riflessioni criminologiche e giurisprudenziali” - Centro Studi e Ricerche IDOS/Immigrazione Dossier Statistico – Roma, 2014.
  • “Lo scenario ubiquitario tra vulnerabilità, minacce e risorse” in “Safety &Security” Settembre 2014 - Tecna Editrice – Roma, settembre 2014.
  • «Dark Wallet». L’evoluzione del cyber-riciclaggio tra anarco-digitalismo e Deep Web” in “Safety &Security” Giugno 2014 - Tecna Editrice – Roma, giugno 2014.
  • “Dall’«Internet Of Things» all’«Internet Of Thoughts». La Dimensione Socio-Culturale Della Cybersecurity” in “I.C.T. Security” Maggio 2014 - Tecna Editrice – Roma, maggio 2014.
  • “All’O.N.U. si discute del rapporto tra criminalità organizzata ed economia informale” in “Safety &Security” Luglio/Agosto 2014, Tecna Editrice – Roma, luglio 2014.
  • "Emigrazione e Criminalità" in “DEMIM - Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo” - SER - Società Editrice Romana – Roma, 2014.
  • "Il Ruolo della I[C]T nella prevenzione e nel contrasto dei fenomeni criminali complessi" in Rivista "Sicurezza e Scienze Sociali", Fascicolo 3 anno 2014, Franco Angeli – Milano, 2014.
  • “O.C. and Mafia between Violence and Informal Economy” in “The Relationship of the Informal Economy to Corruption, Fraud and Organized Crime” - Taylor & Francis – U.S.A., 2015.
  • "Cyber-jihad. Weaponizzazione mediale ed avatarismo terroristico"​ in "I.C.T. Security" Marzo 2015 - Tecna Editrice – Roma, marzo 2015.
  • "The <<urgent measures to fight terrorism>> in the Italian counter-terrorism decree (D.L. n. 7/2015)" in "Sicurezza e Scienze Sociali", Fascicolo 2 anno 2015 - Franco Angeli – Milano 2015.
  • "La 'mediamorfosi' del terrorismo jihadista tra iconoclastia e stato sociale" in "FOCUS - Human rights" N. 4 - 25/09/2015 - Federalismi.it - Rivista di diritto pubblico italiano, comunitario e comparato, 25 settembre 2015.