DOCENTE

Docente a Contratto

Claudia Zaccai
E-mail: claudia.zaccai@uniroma1.it
Orario di ricevimento : Wednesdays - Please send an email for an appointment
Sede: Via Salaria 113
Stanza: TO 62
Telefono: 0039.3402755161

Attività didattica e di formazione a livello nazionale ed internazionaleA.A. 2015 – 2016: è docente a contratto di “Population and Development” per il Masters degree in “Finance and Development” (lingua inglese), Corso di Studio Magistrale Interfacoltà in “Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale”, Facoltà Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.A.A. 2014 – 2015: è docente a contratto di “Population and Development” per il Masters degree in “Finance and Development” (lingua inglese), Corso di Studio Magistrale Interfacoltà in “Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale”, Facoltà Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.A.A. 2013 – 2014: ha organizzato e condotto come docente Seminari per gli operatori della Croix Rouge de Belgique, Coordination du Département Accueil des Demandeurs d’Asile, “Pour un accueil de qualité des enfants et des jeunes dans les Centres CRB”. L'esilio e le pratiche che una società deve mettere in atto, come inpidui e come soggetti collettivi, per affrontare la profonda sofferenza psico-sociale di queste persone e in particolare delle famiglie in esilio, sono inevitabilmente complessi, e richiedono un profondo lavoro di comprensione di questa realtà da parte di chi lavora con queste famiglie (persone adulte e i loro figli). I Seminari erano dedicati al tema delle problematiche che bambini e adolescenti in esilio si trovano ad affrontare nei loro processi di crescita: l’expérience exilique comporta una enorme complessità che può dar luogo a stati di profondo disagio, ma anche stimolare le potenzialità integrative e creative di cui è dotato ogni inpiduo in formazione.A.A. 2013 – 2015: collabora con il Corso di Laurea Triennale in “Cooperazione Internazionale e Sviluppo” e il Corso di Studio Magistrale in “Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale”, Facoltà Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, per organizzare e condurre come docente, Seminari in lingua italiana e in lingua inglese sul “Fenomeno delle Migrazioni Internazionali”. A.A. 2013 – 2014: ha collaborato con il Master di II livello, “Migration and Development”, direttore Prof. Umberto Triulzi, Facoltà Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.A.A. 2012 – 2013: è docente a contratto di “Development Anthropology” per il Masters degree in “Finance and Development” (lingua inglese), Corso di Studio Magistrale Interfacoltà in “Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale”, Facoltà Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. A.A. 2002 - 2012: è docente a contratto di “Analisi dei movimenti migratori” per il Corso di Laurea Triennale in “Cooperazione Internazionale e Sviluppo”, Facoltà Scienze della Comunicazione, “Sapienza”, Università degli Studi di Roma e dal 2010, Facoltà Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione. A.A. 2012 – 2013: è condirettore del Master Universitario di II livello, “Economia e Istituzioni nei Paesi Islamici – MISLAM”, LUISS Guido Carli, School of Government, Roma. 2004 - 2013: è docente a contratto di “Laboratorio di Inglese per le Scienze Sociali” per il Corso di Studio Magistrale Interfacoltà in “Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale”, Facoltà Scienze della Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.A.A. 2011 - 2012: è docente a contratto di “Laboratorio di Inglese per le Scienze Sociali” per il Corso di Laurea Magistrale Interfacoltà in “Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale”, Facoltà Scienze politiche, Sociologia, Comunicazione, “Sapienza”, Università di Roma. Febbraio 2011: ha partecipato al Expert Panel organizzato a Roma dalla University of East London e dal European Centre for the Development of Vocational Training (CEDEFOP), The social benefits of VET for selected social groups and communities – Refugees and Asylum Seekers.2010 - 2011: ha collaborato con l’International Organization for Migration (IOM), Roma, in qualità di consulente pedagogico nell’ambito del progetto Capacity building action towards Ukrainian local institutions for the empowerment of migratory and social-educational policies on behalf of children, women and local communities, finanziato dalla “Cooperazione Italiana allo Sviluppo”, Ministero Affari Esteri. Aprile 2010 – Dicembre 2010: ha organizzato e condotto attività di formazione a Kiev (Ucraina) a supporto degli insegnanti ucraini in relazione al progetto-pilota dell’ International Organization for Migration (IOM), Roma,  “Intervento di capacity building in favore delle istituzioni locali ucraine per il rafforzamento delle politiche migratorie e socio-educative rivolte ai bambini, alle donne ed alle comunità locali”. Ha curato la pubblicazione “Famiglie transnazionali: Guida pedagogica per gli insegnanti”. Ottobre 2008 – Ottobre 2009: è coordinatrice dei corsi di formazione per adulti immigrati nell’ambito del progetto, “A scuola di cittadinanza” del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. La Sinnos Soc. Cooperativa Sociale è titolare del progetto.A.A. 2007 – 2008: è docente a contratto di “Sociologia del lavoro” per il Corso di Laurea Triennale in “Scienze del Turismo”, Facoltà di Scienze Umanistiche, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Febbraio – Maggio 2007: è docente del Seminario in lingua inglese “The Age of Migration” in preparazione di un Workshop (31 maggio 2007) in collaborazione con il Professore Stephen Castles, co-direttore dell’International Migration Institute, Università di Oxford e della Professoressa Ellie Vasta, Responsabile al Centre on Migration, Policy and Society (COMPAS) del Programma su Integration and Social Change dell’Università di Oxford.Settembre 2006 – Settembre 2007: è coordinatrice del settore “Formazione degli  operatori scolastici” nell’ambito di un progetto transnazionale del Programma INTI dell’Unione Europea, “Promozione dell’integrazione scolastica per una autentica cittadinanza civica europea”. L’Amministrazione Provinciale di Rieti è titolare del progetto.Dicembre 2005 – Gennaio 2006: è docente del Seminario “Le migrazioni femminili indipendenti: il caso delle donne capoverdiane ”, Facoltà di Scienze della Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.2004 - 2005: è docente del Seminario in lingua inglese “Language and Literature in Migration Studies”, Facoltà Scienze della Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Settembre – Dicembre 2004: è docente del corso “E.Ducare: Corso di formazione interculturale per docenti del settore della formazione tecnico-professionale, degli operatori della formazione e del settore III sulle metodologie di educazione degli adulti e valutazione dei curricoli formativi”, promosso dall’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica “G.Sanarelli”. Dicembre – Gennaio 2004/’05: è docente del Seminario-laboratorio “Ricerca qualitativa applicata agli studi sulle migrazioni: migranti e migranti forzati” presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.Aprile – Luglio 2003: è docente nel Corso di Formazione per operatori sociali per minori vittime di situazione di guerra e di conflitto, promosso dal Comune di Roma, Assessorato alle Politiche per il Lavoro: “Minori figli di esiliati. Un’approccio psico-pedagogico”.Febbraio 2003: è docente del modulo su “Sociologia dell’Immigrazione” nell’ambito delle attività di formazione del progetto “Extracomunication: monitor su informazione e immigrazione”, promosso dal Dipartimento di Sociologia e Comunicazione dell’Università di Roma, “La Sapienza” in collaborazione con Amnesty International, Caritas, Forum del Terzo Settore e Rai.2002 - 2003: collabora con l’OIM, Missione di Collegamento in Italia e Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo nell'ambito del progetto "Azioni di sistema per sostenere l'integrazione sociale e le politiche del lavoro in favore dei lavoratori migranti in Italia". L'attività prevista riguarda: l'aggiornamento del materiale didattico su "Orientamento alla società e cultura italiana" e la formazione di formatori e mediatori culturali che conducono, su tutto il territorio nazionale, corsi di orientamento di base per lavoratori migranti in particolare albanesi e tunisini. Dal 2001 al 2012: è docente nell’ambito del Master "Immigrati e Rifugiati. Formazione, comunicazione e integrazione sociale" dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", Facoltà di Scienze della Comunicazione diretto dalla Prof.ssa Maria Immacolata Macioti.2001 – 2005: è responsabile per la realizzazione e lo svolgimento degli  stages nell’ambito del Master "Immigrati e Rifugiati. Formazione, comunicazione e integrazione sociale" dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", Facoltà di Scienze della Comunicazione (diretto dalla Prof.ssa Maria Immacolata Macioti). Attività di ricerca scientifica a livello nazionale ed internazionale Dal 2011 - 2013: partecipazione al progetto di ricerca sulle migrazioni temporanee in Europa, Temporäre Arbeit und berufliche Bildung – ein Zielkonflikt? In collaborazione con il Prof. Joachim Schroeder, Fachbereich Erziehungswissenschaft, Universität Hamburg. Gennaio 2011 – Settembre 2011: Partecipazione al progetto Socio-educational experiences in comparison in South East Asia, Centro Nord-Sud, Cospe, Medina, Oxfam Italy, Prosvil (Regione Toscana). Coordinamento dei lavori del secondo seminario a Ranna – Hambantota, Sri Lanka, 2 – 4 Marzo 2011. Dal 2010 - 2012: Partnership in progetto europeo “Leonardo – Lifelong Learning Programme”, Integration of refugees into the European educational and labour market: Requirements for a targeted oriented approach (EduAsyl). Educazione e percorso di istruzione dei giovani rifugiati in Europa: politiche per favorire l’integrazione socio-educativa dei giovani rifugiati nelle società di immigrazione. E per la loro inclusione nel mercato del lavoro europeo. Ricerca e proposte sui requisiti per un approccio orientato al target.Dal 2009 - 2011: Partnership in progetto europeo “Leonardo – Lifelong Learning Programme”, Globalization and opportunities-vocational education for transnational careers. Educazione e percorso di istruzione a livello transnazionale dei giovani rifugiati: politiche per facilitare l’integrazione socio-educativa dei giovani rifugiati nelle società di immigrazione.Dal 2008 - 2012: progetto di ricerca su “Emigrazioni femminili italiane in Europa: il caso delle donne sarde, operaie della Ferrero a Stadtallendorf, Germania.” Il progetto di ricerca è stato commissionato dall’Università di Francoforte, “Johann Wolfgang Goethe”. Il coordinatore della ricerca, Prof. Joachim Schroeder. Il progetto si è concluso con la pubblicazione del volume in lingua tedesca: M. Gag, J. Schroeder, C. Zaccai (Hrsg.), Die Pralinenpendlerinnen. Auf den spuren sardischer Arbeitsmigrantinnen in einem Suesswarenunternehmen in Hessen, Waxmann, 2014, Muenster.2006 - 2008: realizzazione dell’indagine e stesura del rapporto di ricerca su “I Molisani in Germania”. Il progetto di ricerca è stato commissionato dal “Centro studi sui molisani nel mondo” della Provincia di Campobasso, Molise. 2006 – 2007: realizzazione di uno Studio Pilota a Roma su “pided loyalties or multiple belongings? The implications of immigrant transnationalism for integration in metropolitan Europe” in collaborazione con la Professoressa Ellie Vasta, Responsabile al Centre on Migration, Policy and Society (COMPAS) del Programma su Integration and Social Change dell’Università di Oxford. Lo Studio Pilota era propedeutico alla presentazione del 7° Programma quadro di ricerca e sviluppo tecnologico dell’Unione europea (7° PQ), 2007. 2004 - 2005: realizzazione della ricerca empirica volta al monitoraggio dell’efficacia del progetto “Sport for Peace: Implementation of Sport Schools for Israeli Jewish and Arab young people”. Tale indagine è stata commissionata dalla UISP (nazionale), nell’ambito del progetto di ricerca dell’UE (BL B7-4100), sul territorio israeliano (Tel Aviv-Lod, Gerusalemme-Abu Gosh, Haifa-Nahalal).2003: realizzazione dell’indagine e stesura del rapporto di ricerca dello studio di caso sull’Uruguay per la S.I.A.R.E.S., nell’ambito del progetto di ricerca finanziato dal CGIE e dal Ministero degli Affari Esteri “Giovani italiani emigrati all’estero”. 2003: realizzazione dell’indagine e stesura del rapporto di ricerca dello studio di caso sul Sud Africa per la S.I.A.R.E.S., nell’ambito del progetto di ricerca finanziato dal CGIE e dal Ministero degli Affari Esteri “Giovani italiani emigrati all’estero”.2002: realizzazione dell’indagine e stesura del rapporto di ricerca dello studio di caso sulla Tunisia per la S.I.A.R.E.S., nell’ambito del progetto di ricerca finanziato dal CGIE e dal Ministero degli Affari Esteri “Giovani italiani emigrati all’estero”. 2001- 2002: collabora con la Biblioteca Centrale per Ragazzi del Comune di Roma per la realizzazione di un sito interculturale per bambini dai 7 - 11 anni: "www.bibliomondo.it".  Ha curato in particolare i testi e la scelta dei materiali.2001 - 2002: cura l'elaborazione di materiale didattico su "Orientamento alla società e cultura italiana" (“Manuale per l’orientamento degli immigrati in Italia”, Roma 2001-2002) per i corsi di orientamento di base per immigrati albanesi nell’ambito del "Progetto quadro di orientamento, formazione professionale e consulenza a favore di migranti e profughi dalla Regione Balcanica", realizzato da OIM, Missione di Collegamento in Italia ed Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo. Nell'ambito dello stesso progetto ha svolto attività di formazione per i formatori e i mediatori culturali dei corsi di orientamento di base per i migranti.1980 – 1981 (durata biennale): ha collaborato alla stesura e alla realizzazione di una ricerca (compreso rapporto finale) su incarico della “Leitstelle fuer die Gleichstellung der Frau – Senatskanzlei” (Dipartimento di Pari Opportunità della Cancelleria del Parlamento di Amburgo). Titolo della ricerca: “Nozioni delle donne straniere su problemi attinenti alla salute (concetto di salute, concetto di malattia) e loro comportamento nel settore sanitario”. Esperienze professionali 1989 – 1990 ha collaborato con l’A.C.N.U.R. (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) delegazione italiana a Roma, per attività di consulenza e di integrazione sociale dei rifugiati in Italia, nel periodo precedente all’approvazione della L.39/90.1990 – 2001 ha lavorato stabilmente presso il Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR) e ha svolto le seguenti attività come responsabile del settore Relazioni Esterne:

  • Formazione e attività di accompagnamento pedagogico per favorire e facilitare l’integrazione  dei rifugiati nel tessuto socio-politico della società civile italiana.

In particolare:*1997 – 1999, “Vivere soli, vivere insieme. In esilio”: ha condotto, secondo il modello del Groupe de parole, un percorso di formazione  sperimentale per 10 rifugiati di perse nazionalità per la durata di 15 mesi e per 20 ore settimanali. Il Groupe de parole  si è svolto in lingua italiana e aveva come obiettivo quello di facilitare l’integrazione dei rifugiati attraverso  un accompagnamento psico-pedagogico. Il percorso prevedeva inoltre, una conoscenza della società civile e politica italiana (con un approfondimento sul mondo dell’associazionismo) e una formazione sul diritto d’asilo in Italia (aspetti sociali e legali). Il percorso formativo si è concluso con l’organizzazione di un convegno su “Vivere soli, vivere insieme in esilio: Il diritto d’asilo in Italia” (Giugno 1998) e la realizzazione di un video-documento, “Esilio” (1999)*1999 – 2000, “Stato e società civile in Italia: il diritto d’asilo, quali prospettive?”: ha condotto, secondo il modello del Groupe de parole, un percorso di formazione sperimentale (20 ore settimanali) per rifugiati di perse nazionalità che operano nel settore del diritto d’asilo, svolto in lingua italiana. *2000 - 2001, “Le problematiche dell’esilio nell’inserimento scolastico dei minori rifugiati in Italia”: ha condotto, secondo il modello del Groupe de parole, un percorso di pre-formazione  sperimentale (20 ore settimanali) per 8 rifugiati di perse nazionalità. Il percorso formativo, svolto in lingua italiana, aveva come obiettivo quello di facilitare l’inserimento dei rifugiati in corsi di formazione professionale per attività psico-pedagogiche in ambito scolastico. 

  • Attività di formazione e accompagnamento pedagogico per gli insegnanti nell’ambito dell’educazione interculturale;
  • Promosso e diretto seminari e incontri di formazione per operatori del settore su diritto d’asilo e sulla condizione psicosociale ed economica degli esiliati in Italia, in collaborazione con operatori rifugiati e responsabili di Comunità di rifugiati;
  • Promosso e diretto corsi di formazione per sviluppare l’associazionismo dei rifugiati in Italia ed in particolare attività di auto-aiuto nei confronti delle donne in esilio;
  • Elaborazione e presentazione di progetti alle Istituzioni italiane e all’Unione Europea per la tutela dei diritti e l’integrazione dei rifugiati in Italia;
  • Contatti con Istituzioni, Enti pubblici e privati;
  • Sensibilizzazione dell’opinione pubblica italiana: realizzazione e cura di pubblicazioni sui persi aspetti della tematica dell’ esilio e dell’asilo in Italia; realizzazione e allestimento di mostre fotografiche itineranti; realizzazione e cura di video-documentari sull’esilio in Italia.

1984 – 1989 ha collaborato con la sede nazionale della F.I.L.E.F. (Federazione Italiana Lavoratori Emigrati e Famiglie) a Roma, per seguire le politiche di integrazione degli emigrati italiani nei paesi europei e avviare attività di tutela dei diritti degli immigrati in Italia.1972 – 1983 ha collaborato con il “Centro di Consulenza, Attività educative e culturali per Emigranti”  nel distretto di Wilhelmsburg, ad Amburgo, Germania  (Buergeriniziative Auslaendische Arbeitnehmer), sostenuto e patrocinato dal Ministero del Lavoro, della Gioventù e degli Affari Sociali della Città di Amburgo. E’ stata tra i soci fondatori di questo Centro fortemente voluto dai cittadini emigrati residenti nel distretto (storico quartiere operaio di Amburgo dove risiedevano i lavoratori dei cantieri navali e le industrie ad essi collegate). In quegli anni ha svolto funzioni di coordinamento nell’ambito dei settori attinenti all’integrazione sociale e culturale degli emigranti: Settore donne migranti: centro di documentazione sulle problematiche attinenti al ruolo femminile nell’emigrazione; servizi di orientamento/informazione socio-sanitaria, legale e scolastica; predisposizione di iniziative culturali e sociali per facilitare l’inserimento nella società tedesca; corsi di alfabetizzazione nella lingua madre e in lingua tedesca; corsi di informazione sanitaria e di prevenzione in collaborazione con l’Ente Locale. Settore giovani donne migranti: corsi di educazione sessuale in collaborazione con la “Profamilia”, sezione tedesca. Settore minori: organizzazione di centri ricreativi nei giorni festivi durante l’anno scolastico; organizzazione di centri estivi. Nel 1977 ha organizzato e coordinato la prima esperienza di un doposcuola italiano ad Amburgo, finanziato dal Consolato Generale d’Italia. Per l’esito positivo di questa esperienza sperimentale sono stati istituiti successivamente altri doposcuola ad Amburgo. Scuola: attività di facilitatore nell’ambito delle iniziative (organizzate dalle singole scuole) di sensibilizzazione dei genitori stranieri con figli nella scuola dell’obbligo; elaborazione e realizzazione di percorsi didattici interculturali in collaborazione con le scuole dell’obbligo e superiori; attività di formazione per insegnanti.1982 – 1983 ha rappresentato gli italiani residenti ad Amburgo nel “Verwaltungsausschuss – Auslaendische Arbeitnehmer” (Commissione Amministrativa – Lavoratori Stranieri, del Ministero del Lavoro, della Gioventù e degli Affari Sociali).1981 – 1983 ha ricoperto la carica di vice presidente del “Comitato di Assistenza Scolastica Italiana” di Amburgo che aveva la propria sede presso il Consolato Generale d’Italia.A.A.1975 – 1976: è docente a contratto all’Università di Amburgo, presso l’Istituto di Pedagogia. Il titolo del seminario: “Modelle politisch emanzipatorischen Lernens und ihre Umsetzung in der Bildungs- und Schulpolitik der BRD, dargestellt fuer die Erziehung der Gastarbeiterkinder” (Modelli politico-emancipatori d’apprendimento per i figli dei lavoratori immigrati e la loro applicazione nella politica pedagogica e scolastica della R.F.T.).A.A. 1975 – 1976: è docente a contratto alla “Volkshochschule” di Amburgo (Università Popolare) nel settore “Arbeitskreis fuer Auslaender” (Settore per stranieri – un programma pilota nell’allora R.F.T.). Il titolo del corso era “Arbeitskreis fuer asulaedische Eltern schulpflichtiger Kinder in Wilhelmsburg” (Gruppo di lavoro per genitori stranieri di figli in età scolastica). Il corso aveva una doppia finalità: l’apprendimento della lingua tedesca con un orientamento sulle tematiche/problematiche dell’immigrazione per facilitare  l’inserimento nel tessuto socio-culturale della società.Nel 1975 ha collaborato alla realizzazione di due trasmissioni radiofoniche per ragazzi alla Radio “Norddeutscher Rundfunk”.1973 – 1974 ha insegnato alla  scuola elementare e media “Schule Bonifatiusstrasse – Katholische Volks- una Realschule” ad Amburgo, nell’ambito dei corsi di lingua tedesca per i figli degli emigrati italiani, spagnoli e portoghesi -  “Deutsch – Foerderunterricht”.  Elenco Pubblicazioni Scientifiche Volumi:2014M. Gag, J. Schroeder, C. Zaccai (Hrsg.), Die Pralinenpendlerinnen. Auf den spuren sardischer Arbeitsmigrantinnen in einem Suesswarenunternehmen in Hessen, Waxmann, Muenster. (In corso di pubblicazione in lingua italiana).2013Molisani in Germania. Ricerca sugli emigrati “invisibili”, Cosmo Iannone Editore, Campobasso.2010C. Zaccai (a cura), Famiglie Transnazionali: Guida Pedagogica per gli insegnanti, IOM International Organization for Migration, Roma. Testo pubblicato in italiano, inglese, ucraino.2006M.I. Macioti, C. Zaccai, Italiani in Sudafrica. Le trasformazioni culturali della migrazione, Guerini e Associati, Milano.2004G. Gianturco, C. Zaccai, Italiani in Tunisia: passato e presente di un’emigrazione. Un’indagine sui differenti modelli a confronto, Guerini e Associati, Milano.1982M. Baymak-Schuldt, A. Feller, C. Zaccai, Auslaendische Frauen in Hamburg. Gesundheitswissen – Gesundheitsverhalten, Leitstelle fuer die Gleichstellung der Frau, Senatskanzlei, Hamburg. Saggi pubblicati in riviste:2014C. Zaccai, L’esilio, in Hamelin, Storie Figure Pedagogia, volume 35, “Il Migrante”, pgg. 27 – 37. Saggi in volumi collettanei:2013C. Zaccai, M. Omodeo (eds.) The paradox of being a recognized refugee in Italy: Living in an open prison,Florence, Tuscany, pgg. 19 – 109, in Integration of Refugees into the European education and labour market. Requirements for a target group oriented approach, Louis Henri Seukwa (ed.), Peter Lang Edition, Frankfurt, Germany.2011C. Zaccai, Migration, work and education under transnational conditions of life – educational biographies of migrants, refugees and asylum-seekers from the perspective of Italy, pgg. 62 – 73, in Globalisation and opportunities: Vocational Education for Transnational Careers (Scientific editors Maren Gag, Katarzyna Sławinska, Małgorzata Sołtysiak), Volume 242, Monographic series, Library of Work Pedagogy, Scientific editor Prof. Henryk Bednarczyk, Radom, Poland.2011C. Zaccai, Requirements for a transnational education and employment area. Recommendations for the European education systems, in Globalisation and opportunities: Vocational Education for Transnational Careers (Scientific editors Maren Gag, Katarzyna Sławinska, Małgorzata Sołtysiak), Volume 242, Monographic series, Library of Work Pedagogy, Scientific editor Prof. Henryk Bednarczyk, Radom, Poland.2011C. Zaccai, Temporary migration – work experiences from the perspective of different European countries:- Introduction,  pgg. 104 - 107- The Case Study of Seasonal Female Migration: from Sulcis-Iglesiente, South of Sardinia to   Germany, pgg. 107 - 114 - Temporary work and Lifelong learning from a transnational perspective - Conclusive notes, pgg. 174 – 178.In Globalisation and opportunities: Vocational Education for Transnational Careers (Scientific editors Maren Gag, Katarzyna Sławinska, Małgorzata Sołtysiak), Volume 242, Monographic series, Library of Work Pedagogy, Scientific editor Prof. Henryk Bednarczyk, Radom, Poland.2011C. Zaccai, Percorsi per la promozione dell’impegno critico dei giovani nel loro processo formativo. Una sfida per gli educatori, pgg. 71-78/Pathways for the promotion of young people’s critical involvement in their training process pgg. 71-78, in Esperienze socio-educative nel sud est asiatico a confronto/Socio-educational experiences in comparison in South East Asia, Regione Toscana – Cooperazione Decentrata, Tavolo Asia, Firenze.2006C. Zaccai, Praticare la pace, in A. Pingue, Majd il Glorioso, Sinnos Editrice, Roma.2005C. Zaccai, Tornare sui propri passi: emigrati italiani in Uruguay, pgg. 169 – 190, in C. Caltabiano - G. Gianturco (a cura di), Giovani oltre confine. I discendenti e gli epigoni dell’emigrazione italiana nel mondo, Carocci, Roma.2005C. Zaccai, L’emigrazione italiana in Sud Africa:ieri e oggi, pgg. 371 – 393, in C. Caltabiano - G. Gianturco (a cura di), Giovani oltre confine. I discendenti e gli epigoni dell’emigrazione italiana nel mondo, Carocci, Roma.2001 C. Zaccai, Orientamento alla società e cultura italiana in Manuale per l’orientamento degli immigrati in Italia, Roma 2001, IOM International Organization for Migration, Missione di Collegamento in Italia ed Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo.2002C. Zaccai, Orientamento alla società e cultura italiana in Manuale per l’orientamento degli immigrati in Italia, Roma 2002, IOM International Organization for Migration, Missione di Collegamento in Italia ed Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo.1981 C. Zaccai, Agrigento oder Hamburg? Die Geschichte von zwei Frauen, in H. Essinger, A. Hellmich, G. Hoff (a cura di) Auslaenderkinder im Konflikt, Athenaeum Taschenbuecher, Koenigstein, pp. 188-195.